Site Overlay

Saverio Rotundo, l’arte e la bellezza come nuova vita

Non è il post che avremmo voluto scrivere, ‘U Ciaciu non c’ è più. Catanzaro perde un artista, un figlio in realtà mai fino in fondo apprezzato, che subisce l’onta comune a tutti i creatori di bellezza: se ne avverte la mancanza quando mancano, pur non accorgendosi di loro quando son in vita. Saverio Rotundo è stato un artista che qualcuno avrebbe potuto definire sui generis, per le modalità con cui trasformava l’inanimato in cosa viva, ma è stato testardamente precursore, in questa terra, dell’arte del riuso: il suo carretto, con cui raccoglieva ogni cosa apparentemente morta, ridandole la vita in un’eterna bellezza, è un messaggio di una potenza inaudita, il biglietto di presentazione di un mondo che fa quel che può con ciò che ha. L’elogio all’improvvisazione che è il motore dei necessitanti e virtuosi. Dei calabresi.

Lontano dai riflettori, perché nient’altro che distante dalla politica, vogliamo, su questo blog, rileggere le sue opere nel più forte ed urlato appello ad un amore smisurato verso la sua terra, quando il laboratorio su Corso Mazzini a Catanzaro si spingeva fin fuori il portoncino, come in una mostra regalata alla sua gente tutto l’anno, a condire di bellezza la città che amava con i colori forti, per un centro che spesso si tinge di grigio.

Un appello verso la salvaguardia di questo pianeta, a rischio per l’ingordigia e la pigrizia umana, che il Maestro proponeva nella lezione che tutto si rigenera e nulla si distrugge, che c’è ancora un modo per vivere di ciò che si è creato senza sprecare ulteriori risorse in un pianeta già in deficit.

C’è tutto nelle opere di Saverio, come c’è tutto in ogni opera che vuol rappresentare la fisica e le emozioni, passando per l’ecologia, con forme e colori, la cui chiave di volta è solo degli animi sensibili. E non sapremo mai se ‘U Ciaciu concorderebbe con questa lettura: siam certi, però, che ne sarebbe orgoglioso, perché qualcosa ci ha urlato e, noi, ne abbiamo colto amore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *