Site Overlay

Guest List

Mimmo Rotella, Divertitevi a dare (1959-1960)

Sally Somerville-Woodiwis

I approach my art like I do life, with inquisitively and existential thinking using imagery and movement. I tend to be inspired by situations that I have experienced or witnessed in the past that I think are controversial and should be highlighted, not ignored. I approach these situations analytical with an open mind to grasp all the different elements within the situation.
I then come up with statement in a fig-mental, light hearted and bold way, even when the situation can get quite dark and serious. I’m performance artist, I use art because it is more powerful than words since it is one of the only languages that is international, along side music and it can bring down social barriers.

Approccio l’arte come approccio la vita, con un pensiero inquisitivo ed esistenziale, usando l’immagine ed il movimento. Tendo a trarre ispirazione da situazioni controverse, di cui sono stata protagonista o, almeno, partecipe e che credo dovrebbero essere evidenziate piuttosto che ignorate. Approcio queste situazioni in maniera analitica, con la mente aperta per afferrare tutti i diversi elementi all’interno di esse. Successivamente, affermo il mio punto di vista dando vita a una rappresentazione sfrontata ma giocosa, nonostante i temi siano spessi seri e cupi.
Sono una performance artist, uso  l’arte perché la ritengo essere più potente delle parole, essendo, insieme alla musica, un linguaggio veramente universale, in grado di abbattere le barriere sociali.

Walter Ieraci

Testardo e caparbio, nato in piena estate del ’90. Laurea in Ingegneria Informatica e Biomedica. Fotoamatore e videoamatore per passione, costantemente alla ricerca di emozioni da regalare attraverso la fotografia paesaggistica e ritrattistica

Eva Wright

My name is Eva, I am a writer and producer from the UK. My mother is Italian and recently volunteered in Camini. There she met refugees who wanted to create a project to make their voices heard, but weren’t sure how to do it. She introduced me and the rest is history!
I’m interested in politics, diversity, human rights and of course, Italy.
From my film travels, I have met lots of talented filmmakers, some of whom will be joining me as my crew in Camini

Erica Lavecchia

Erica Lavecchia, nata a Catanzaro il 20 giugno 1971. Commissario Capo della Polizia di Stato, Dirigente della Sezione di Polizia Giudiziaria istituita nella Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro. 

In servizio presso il Dipartimento della P.S. dal 1991, ha conseguito presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro la Laurea triennale in Scienze Giuridiche e Specialistica in Giurisprudenza con tesi, rispettivamente, in Filosofia del Diritto : “Aspetti giuridici e sociologici del delitto seriale in Italia” , e in Diritto Ecclesiastico : “ Il coniugicidio quale impedimento alla trascrizione del matrimonio canonico”.

Nel 2010 ha conseguito presso l’Università degli Studi di Messina il Master di I livello in Criminologia, mentre nel 2014, presso l’Università degli studi di Roma “La Sapienza”,  il Master  di II livello in Scienze della Sicurezza , con Lode.

Numerose le esperienze lavorative in vari uffici della Questura di Catanzaro, dove fino all’anno 2012 ha prestato servizio presso la Squadra Mobile, l’Ufficio di Gabinetto e la Digos.

Dopo aver frequentato il 103° corso di formazione per Commissari, ha prestato servizio presso la Questura di Crotone come Dirigente dell’Ufficio del Personale e dell’Ufficio Tecnico Logistico prima e  Capo di Gabinetto del Questore poi.

Prima di Dirigere la Sezione di Polizia Giudiziaria, per quasi due anni è stata Dirigente dell’Ufficio Polizia di Frontiera Aerea presso l’Aeroporto Internazionale di Lamezia Terme e Dirigente Reggente dell’Ufficio Polizia di Frontiera Marittima di Gioia Tauro.